Una notte, nel sogno, entravo in una enorme ed antichissima biblioteca. Su uno dei tavoli poggiava pesante un libro che - stranamente - mi pareva addormentato, forse perché nessuno lo stava leggendo e quindi si prendeva una pausa dagli sforzi di farsi capire dalla gente che lo consultava. Mi sentivo attirata da questo volume e senza essermene accorta di aver usato le gambe, in un batter d'occhio mi trovavo vicinissimo al libro, tendevo la mano e lo aprivo ad una pagina qualsiasi. L'immagine di una bella farfalla ornava la pagina e cominciavo a leggere:

La Zygaena sognidorus è una falena che fa parte della famiglia degli Zygaenidae che comprende circa 800 specie di taglia media o piccola diffuse in tutto il mondo.

La caratteristica più nota di questa specie è che più si cerca di catturarla, più ci sfugge. Non è per niente facile prendere una sognidorus. I veri specialisti però conoscono il trucco di entrarne in possesso. Basta dedicare tutti i pensieri a qualcos'altro e autoconvincersi che non ci interessa per niente prendere la sognidorus. A questo punto, piano piano, si avvicina e si posa sulle nostre palpebre chiuse, il suo posto preferito, dove poi - di solito - resta per tutta la notte e ci fa compagnia.

La vita moderna, piena di stimoli, colori, suoni ma anche di rumori e stress, ci ha fatto perdere l'arte di rilassarci. Abbiamo grande difficoltà ad entrare in contatto con il nostro mondo interno dove si trova il teatro dei sogni, insieme a tutti gli attori, che vanno in scena ogni notte. Siamo troppo presi da innumerevoli compiti, dalle faccende che richiede il mondo che ci circonda, siamo oppressi dalle nostre responsabilità, perciò la sera difficilmente riusciamo a staccare. E poi facciamo l'errore di voler catturare la Zygaena sognidorus con ogni mezzo, ci incolliamo davanti al televisore per stancarci così tanto che alla fine gli occhi non ce la fanno più. Prendiamo ogni sorta di sonniferi e pretendiamo che la Zygaena sognidorus si posa sulle nostre palpebre e ci porta bei sogni, invece di cercare di frenare un po' il ritmo della nostra vita e riflettere sulle priorità. C'è poi un'altro problema che rende difficile la cattura della Zygaena sognidoris. Siamo abituati a soluzioni superficiali e veloci, che vanno perfettamente bene per la nostra società usa-e-getta. Vogliamo "avere" una soluzione, ma non vogliamo "essere" o "far parte" (del)la soluzione, perché questo significherebbe dover riflettere su noi stessi e magari cambiare un po'. Quindi, che cosa facciamo? Cerchiamo soluzioni che ci lasciano intatti e che lasciano il nostro stile di vita così com'è. Soluzioni di questo tipo hanno successo al giorno d'oggi, nella nostra società. Nel nostro mondo la Zygaena sognidorus è in via d'estinzione. Possiamo salvarla solo se cominciamo ad apprezzare le cose che danno veramente senso alla nostra vita e di non pretendere tutto a costo quasi zero.






checosa latte ninnenanne
sids compagnia morte sognare


www.fatelananna.it © 2005 - 2013 di Ulrike Schmidleithner